Il cantiere “San Martino”

Operai e operaie impegnati nei lavori di fortificazione (Matteo Ermacora, I minori al fronte della Grande Guerra.
Lavoro e mobilità minorile, in «Il Calendario del Popolo», a.60, n.682,gennaio 2004, p.14).

Il cantiere “San Martino”

Il cantiere di San Martino fu aperto il 2 aprile 1917. Vi lavoravano circa 200 operai provenienti, oltre che dal Varesotto, dal Piemonte, dall’Emilia Romagna, dalla Toscana, dall’Abruzzo e dall’Umbria. Nel cantiere le imprese prima e i militari poi garantivano il pasto che era a pagamento per gli operai civili. Questo tipo di alimentazione veniva poi integrato con altri cibi che i lavoratori acquistavano o nel magazzino del cantiere stesso o nei paesi adiacenti al cantiere, sia presso le botteghe sia presso paesani. Il cantiere venne definitivamente chiuso il 28 febbraio 1918 quando furono ultimate la costruzione della batteria in caverna di Vallalta e la sistemazione del piazzale esterno.